Tour dell'Umbria Partenza da Cagliari Viaggio di 5 Giorni dal 10 al 14 Ottobre 2017 da 680 €

Tour dell'Umbria Partenza da Cagliari dalla Sardegna
Tour & Pellegrinaggi a Cascia Assisi Loreto La Verna Norcia e Roccaporena da Cagliari. Viaggio Organizzato di 5 Giorni 4 Notti dal 10 al 14 Ottobre 2017. Pacchetto viaggio & pellegrinaggio comprende volo di Linea da Cagliari per Fiumicino Sistemazione in Hotel 3 stelle in pensione completa con bevande Trasferimenti Visite guidate ad Assisi Cascia Roccaporena Assistenza e Assicurazione da 680 € a persona in camera doppia

Pacchetto Pellegrinaggio a Cascia Assisi Loreto Roccaporena da Cagliari

Categoria Cascia Assisi dalla Sardegna
Offerta Tour dell'Umbria Partenza da Cagliari
Pacchetto Viaggio Volo Trasferimenti Mini Tour Pellegrinaggio Assistenza
Destinazione Cascia Assisi Santa Maria degli Angeli Roccaporena Orvieto Norcia
Aeroporto di Partenza Da Cagliari Elmas
Durata / Data 5 Giorni 4 Notti dal 10 al 14 Ottobre 2017
Servizi Inclusi Accompagnatore dell'Agenzia Guida Spirituale
Prezzo a persona 680 € + 30 € Iscrizione

Programma del Pellegrinaggio a Cascia Assisi Loreto Roccaporena da Cagliari

1° Giorno: Cagliari / Roma / Lanciano / Loreto
Ritrovo dei signori partecipanti all’aeroporto di Cagliari, Elmas, ORE 05.00, imbarco e partenza ore 06.20 per Roma, sbarco ore 07.25 e partenza con pullman G.T per Lanciano, visita della città e sosta al Santuario del Miracolo Eucaristico, dove si conservano allo stato naturale, da dodici secoli, la Carne e il Sangue straordinariamente trasformati dall’ostia e dal vino durante una Santa Messa. Pranzo in ristorante e proseguimento per Loreto, sistemazione in Hotel, cena e pernottamento.

2° Giorno: Loreto / Gubbio / Assisi
Prima colazione in hotel. Mattinata dedicata alla visita di Loreto, capitale del culto Mariano con la sua Basilica della Santa Casa, grande meta di pellegrinaggi nel mondo cattolico, pranzo in hotel e partenza per la visita guidata di Gubbio: p.za Quaranta Martiri, Loggiato dei Tiratori, Palazzo dei Consoli, Duomo, Palazzo Ducale, Palazzo del Bargello,
Proseguimento per Assisi, S.Maria degli Angeli, sistemazione in Hotel, cena e pernottamento.

3° Giorno: Assisi / La Verna
Prima colazione in hotel. Mattinata dedicata alla visita Santa Maria degli Angeli e Assisi, la città umbra più conosciuta soprattutto dal punto di vista religioso: qui nacquero San Francesco e Santa Chiara. Presenta un passato storico di notevole importanza, confermato dalla presenza di numerose chiese, cattedrali e costruzioni medioevali. E' ogni anno meta di migliaia di fedeli provenienti da tutto il mondo. Pranzo in hotel, Pomeriggio visita del Santuario della VERNA, meta di preghiera e raccoglimento, è il luogo dove San Francesco ricevette le stigmate nel lontano 17 settembre 1224, un luogo dove natura e spiritualità trovano il loro equilibrio. Rientro in serata in hotel, cena e pernottamento.

4° Giorno: Santa Maria degli Angli / Assisi
Pensione completa in hotel. Giornata dedicata alla visita di Santa Maria degli ,Angeli, al CONVENTO DI SAN DAMIANO e all’EREMO DELLE CARCERI (Momento di preghiera). Incontro di preghiera al Santuario di Rivotorto; la chiesa attuale, costruita nel 1854 in stile neogotico, conserva al suo interno il Sacro Tugurio, il luogo dove S. Francesco dimorò con alcuni discepoli. All’epoca era un semplice capanno abbandonato con il tetto di frasche, usato come riparo provvisorio dai contadini. Qui visse S. Francesco con i suoi compagni per circa 2 anni (1208 - 1211), fu in questo posto che sperimentò i primi elementi di vita in fraternità, alla base della Regola dell’Ordin e Francescano.

5° Giorno: Cascia / Norcia / Roccaporena / Roma / Cagliari
Prima colazione in hotel. Giornata dedicata alla visita di Cascia: Cascia è una delle cittadine più importanti della Valnerina insieme a Norcia, famosa per il Santuario di Santa Rita, ogni anno meta di migliaia di fedeli in pellegrinaggio. Importante centro agricolo, sede di numerose industrie alimentari. Norcia: Città dell’Umbria alle pendici dei Monti Sibillini, conosciuta per la ricca tradizione culinaria, tramandata dai norcini e per essere stata la città natale di San Benedetto. Pranzo in ristorante durante la visita, visita di Roccaporena
e trasferimento a Roma Fiumicino, Imbarco e partenza ORE 21.50 per Cagliari, arrivo ore 23.00 e fine dei ns. servizi.

Operativo voli Alitalia: Cagliari / Roma Fiumicino / Cagliari

Data

Aeroporto di partenza

Orari di Partenza

Aeroporto di arrivo

Orari di Arrivo

10 Ottobre

Cagliari Elmas

06:20

Roma Fiumicino

07:25

14 Ottobre

Roma Fiumicino

21:50

Cagliari Elmas

23:00

Cascia
“Situata nella zona più montuosa dell’Umbria, Cascia deve la sua importanza al santuario eretto in nome di Santa Rita, uno dei più importanti centri spirituali della regione e celebre meta di pellegrinaggio.. ma anche alla sua rinomata accoglienza e alla buona tavola! Fondata in epoca romana, Cascia visse il maggior splendore nel Medioevo, prima sotto la dominazione delle signoria folignate, successivamente sotto il dominio di Federico II di Svevia, in seguito contesa, senza successo, dalle vicine città di Norcia, Leonessa e Spoleto. Solo alle soglie del 1500, si arrese allo Stato Pontificio sotto il cui dominio rimase per meno di 30 anni, da allora mantenne sempre la propria indipendenza. Nel parlare di Cascia non si può non citare Santa Rita; la suora, beatificata nel 1900, visse tra il 1381 e il 1457. Oggi la Santa, conosciuta come dispensatrice di grazie, è venerata in tutto il mondo e moltissima gente si reca ogni anno in pellegrinaggio durante le celebrazioni ritiane al Santuario a lei consacrato.
Santa Rita da Cascia
Fermandosi a Cascia, il pellegrino incontra e scopre Santa Rita da Cascia e il suo messaggio di dialogo e di pace. Da ogni parte del mondo, i pellegrini arrivano in questo piccolo borgo, cuore pulsante di spiritualità agostiniana. Vieni anche tu a scoprire il Santuario Santa Rita da Cascia. Santa Rita da Cascia, con la sua semplicità, ha conquistato milioni di devoti in tutto il mondo, tutti coloro che cercano una strada per affrontare la vita quotidiana nel rispetto delle virtù cristiane. Santa Rita ha tramandato il suo messaggio senza mai scrivere niente, ma usando l’esempio concreto del vivere quotidiano fatto di rispetto verso l’altro e verso il creato. Le testimonianze dei miracoli accaduti per sua intercessione sono talmente numerose, che è stata proclamata dal popolo di fedeli “santa dei casi impossibili” (o santa degli impossibili), in quanto, così come Rita ci ha insegnato, se ci si affida a Dio, tutto può accadere. Questa piccola, grande donna ha lasciato tracce di numerose opere miracolose sia in vita, che dopo la morte. Guarigioni che sembrano inspiegabili. Migliaia, sono le testimonianze di grazie ricevute che ogni anno arrivano in monastero. Donna del dialogo e della riconciliazione, Santa Rita si rivolge a tutti: ai cristiani nel mondo, ma anche alle persone che hanno un credo religioso diverso da quello cristiano.
Assisi
Assisi è è una gran bella cosa, paese, città e santuario”, scriveva Giosuè Carducci. Paese, perché ha tutte le caratteristiche del borgo umbro: arroccato in cima a una collina che guarda sulla valle, piccolo, composto, uguale nei secoli. Città, perché Assisi ha svolto un ruolo fondamentale nella storia del mondo: da qui è partito San Francesco per cambiare (o almeno provare) la chiesa. Santuario, perché del passaggio di San Francesco e Santa Chiara restano chiese piccole e grandi, luoghi miracolosi, cripte che attirano ogni anno migliaia di fedeli. Oltre ai luoghi religiosi in cui hanno lasciato i loro capolavori Giotto e Simone Martini, Assisi ha una bella Rocca, una ricca Pinacoteca Civica, uno straordinario Tempio della Minerva e una scenografica Piazza del Comune. Poi siamo in Umbria, quindi c’è una grande tradizione di ospitalità,e una gastronomia con prodotti di eccellenza. ci sembrano motivi sufficienti per pensare ad una visita nella cittadina umbra.
La Basilica di San Francesco ad Assisi
Erano passati solo due anni dalla morte di Francesco che Frate Elia, il suo successore, ricevette in dono un piccolo pezzo di terra sul Colle dell’Inferno dove fino a un po’ di tempo prima si impiccavano i condannati. Francesco era morto nella Porziuncola, una piccola chiesetta, ma i suoi fratelli lo portarono subito a San Damiano e poi da lì alla Chiesetta di S. Giorgio, dentro le mura di Assisi e vicino alla casa paterna. In quella chiesetta il 16 luglio 1228 Gregorio IX proclamò santo il frate di Assisi la santità e il giorno dopo andò sul colle, insieme a Frate Elia, a posare la prima pietra della futura Basilica di San Francesco. Il 25 maggio 1230, meno di 4 anni dalla morte del Santo, la basilica era pronta. Vista da lontano sembra una roccaforte unica ma è in realtà composta da due chiese sovrapposte: la Basilica inferiore e quella superiore e una cripta con la tomba del Santo. Nelle due chiese è stata scritta la storia dell’arte italiana: ci hanno lavorato Cimabue, Giotto, i Lorenzetti, Simone Martini. Tra le tante opere sono da ricordare: il ciclo completo delle Storie di San Martino dipinto da Simone Martini; la Cappella della Maddalena da Giotto; nel transetto c’è un affresco di Cimabue e otto Storie dell’infanzia di Cristo dipinte da Giotto. Nella chiesa superiore, ci sono i famosissimi affreschi di Giotto che illustrano, in 28 quadri, la vita di San Francesco e altre opere di Cimabue. Nella Inferiore c’è la Cripta con i resti di San Francesco. Semplice, scavata nel muro e circolare come il Santo Sepolcro, c’è l’urna di pietra rinchiusa da sbarre in due griglie di ferro nella quale fu trovato il corpo del santo. Sopra la tomba brucia una lampada con l’olio offerto ogni anno da una regione italiana diversa.
Roccaporena
Roccaporena si trova ad una altezza di 707 m, all'estremità di una piccola gola, a circa 6 km da Cascia. Secondo i dati del censimento Istat 2001, risulta abitato da 73 residenti. Il paese è da circa 700 metri di altezza sul livello del mare. La sua principale fonte di sostentamento è il turismo due comodi alberghi assicurano una ricettività più che sufficiente, sia per i pellegrini sia per i semplici turisti che vogliono visitare le bellezze naturali e geologiche locali di questo paesino.
Lo Scoglio di S. Rita, la Casa di S. Rita con il vicino orto dei miracoli, il Santuario di S. Rita le pareti sono adornate da mosaici, la chiesa di San Montano. Il paese di Roccaporena esisteva già dal medioevo, notare la struttura delle vecchie e piccole case, una volta illuminate da fioche lampade a petrolio. Era un paesello sepolto in una profonda e angusta fossa a forma di triangolo, perduto tra le gole del Corno, attorniato da fertili campi e da montagne con punte sporgenze di roccia geometriche che danno rilievo alle alte e ripide vette definite dai colori dei carpini, i frassini, dalle alte querce e dai cerri. Ci sono molte attrezzature sportive tra cui un bellissimo campo di calcio, il campo di pallacanestro e di pallavolo, si consiglia questo paese per chi è diretto a Cascia o Norcia di visitarlo oppure per stare un paio di giorni in tranquillità.
Collevalenza
Collevalenza è una frazione del comune di Todi in provincia di Perugia e sede del santuario dell'Amore Misericordioso dove è sepolta Madre Speranza. Il piccolo borgo medievale si trova a circa sei chilometri a Sud di Todi, lungo la strada nazionale Tiberina 3 bis, a circa 100 km a nord di Roma e a 50 km circa a sud di Perugia. Ad un'altezza di 354 m s.l.m., conta 697 abitanti. Le origini del borgo sono incerte. Il nome di Collevalenza (o Colvalenza) deriverebbe dal tempio dedicato a Giunone Valentia, che si ergeva al posto dell'attuale castello. Fedele ai ghibellini della famiglia Chiaravalle, fu a lungo conteso dalle opposte fazioni. Nel 1322 fu conquistato dai guelfi guidati dal cavaliere romano Savelli, che pochi anni dopo fu fatto decapitare dal papa. Nel 1377 la popolazione fu pesantemente oppressa e il castello in gran parte distrutto dal guelfo Catalano degli Atti. Nel 1424 fu ricostruito e oggi si possono ancora ammirare i torrioni quattrocenteschi e le mura in stile gotico con due aperture.
Come si effettua il bagno al Santuario di Collevalenza:
Terminato il cerimoniale delle acque che si svolge in chiesa i pellegrini seguendo il sacerdote, si avviano in modo composto e ordinato al piazzale dove si trovano le piscine, dopo aver atteso il proprio turno, si giunge nell'ingresso del lavatoio, dove il dipendente addetto invita ad accomodarsi nel proprio posto. Il credente deposita gli indumenti che ha indosso e si cinge con il telo che trova a disposizione. Arrivato il proprio turno, si immette presso la Vasca, dove altri persone lo aiutano nella preghiera e nel gesto di fede che si dispone a compiere. Il tutto si svolge in modo educato e discreto, effettuato il bagno, senza asciugarsi, il pellegrino entra nuovamente nel proprio box e si riveste. Per i portatori di handicap vi è una piscina opportunamente attrezzata con una barella che viene fatta calare elettronicamente in acqua. Per eseguire l’immersione in acqua non si deve portare nessun vestiario particolare, né cose superflue, l’acqua è scaldata.Cosa visitare nel borgo di Collevalenza in un giorno nome che discenderebbe dal tempio intitolato a Giunone Valentia, che si levava al posto dell’odierno castello, devoto ai ghibellini della famiglia Chiaravalle, fu a lungo ambito dalle opposte fazioni. Nel 1322 fu conquistato dai guelfi guidati dal cavaliere romano Savelli, che pochi anni dopo fu fatto decapitare dal papa. Nel 1377 la popolazione fu pesantemente sfruttata ed oppressa dai nemici e il castello in gran parte distrutto dal guelfo Catalano degli Atti. Nel 1424 fu ricostruito e oggi si possono ancora ammirare i torrioni quattrocenteschi e le mura in stile gotico con due aperture.

Additional Info

  • L'offerta Comprende:


    - Viaggio Aereo Cagliari / Roma / Cagliari. Con voli di linea Alitalia con franchigia bagaglio 23kg.
    - Pullman G.T. al seguito come da itinerario.
    - Guida locale per 5 mezze giornate.
    - Sistemazione in hotel 3 stelle,nelle camere doppie, tutte con servizi privati.
    - Trattamento di pensione completa dal pranzo del primo giorno al pranzo del penultimo, incluso le bevande ai pasti (¼ di vino + ½ minerale)  
    - Assicurazione medico non stop e bagaglio.
    - Iva e tasse.

  • L'offerta non comprende:


    - € 30 Quota d'Iscrizione;
    - Gli ingressi, le m
    ance e gli extra a carattere personale;
    - Tutto quanto non indicato alla voce “La quota comprende”

  • Supplementi e Riduzioni:


    - Supplemento Singola 130 € tutto il tour;

Richiedi informazioni su questo pacchetto, offerta n° 916


Nome e Cognome*
Campo compilato erroneamente o vuoto.

Indirizzo E-mail*
Campo compilato erroneamente o vuoto.

Telefono*
Campo compilato erroneamente o vuoto.

Numero Persone*
Campo compilato erroneamente o vuoto.

Data di Partenza*
Campo compilato erroneamente o vuoto.

Commento
Campo compilato erroneamente o vuoto.

Cliccando sul bottone "Invia Richiesta" accetto il trattamento dei miei dati personali secondo le normative vigenti in materia di privacy.
Nota Bene.
Per inviare la richiesta è necessario cliccare nel sottostante box di verifica.

Aio Sardegna
www.aiosardegna.it

Le migliori soluzioni per affittare una casa o trovare un albergo/B&B per le tue vacanze in Sardegna.

Capodanno in Sardegna
www.capodannoinsardegna.it

Le migliori offerte per un divertente e meraviglioso capodanno in Sardegna.

Pasqua in Sardegna
www.pasquainsardegna.it

Tutte le soluzioni per viaggiare e passare la Pasqua in Sardegna.

I viaggi della fede
www.iviaggidellafede.it

La guida completa per organizzare il tuo viaggio religiosa o pellegrinaggio in tutto il mondo.