I Viaggi della Fede - Polizza Assicurativa Europ Assistance

Pellegrinaggio a Medjugorje Partenza da Milano Malpensa Viaggio Religioso di 2 Giorni dal 1 al 2 Novembre 2019 da 455 €

Pellegrinaggio a Medjugorje da Milano
Pellegrinaggio a Capodanno Medjugorje Partenza da Milano Malpensa in aereo. Pellegrinaggio di 2 Giorni e 1 Notte dal 1 al 2 Novembre 2019. Pacchetto pellegrinaggio comprende Viaggio in aereo da Milano Sisitemazione in Hotel 4 Stelle con trattamento di Pensione Completa Pellegrinaggi con Guida Spirituale Accompagnatore dell'Agenzia ed Assicurazione da 455 € a persona in camera doppia


Pacchetto Pellegrinaggio a Medjugorje da Milano Malpensa

Categoria Pellegrinaggi a Medjugorje da Milano
Offerta Pellegrinaggio a  Medjugorje da Milano in aereo
Pacchetto Viaggio  Hotel/ Pellegrinaggi / Assistenza
Partenza da Milano Malpensa
Destinazione Medjugorje
Durata / Data 2 Giorni 1 Notte dal 1 al 2 Novembre 2019
Hotel Hotel 3 Stelle a Medjugorje
Trattamento Pensione Completa incluso Pranzo in ristorante
Servizi Inclusi
Accompagnatore dell'Agenzia Guida Spirituale
Prezzo a persona
455 € + 35 € Iscrizione

Programma di Viaggio a Capodanno Medjugorje da Milano in Pullman

Primo giorno: Malpensa - Mostar - Medjugorje
Due ore prima della partenza ritrovo dei partecipanti all’aeroporto di Malpensa. Operazioni d’imbarco e partenza in aereo. Arrivo a Mostar e trasferimento in pullman a Medjugorje (circa 30 minuti). Sistemazione in albergo e inizio attività religiose. Cena e pernottamento.

Permanenza a Medjugorje:
Pensione completa. Giornate dedicate alle attività religiose. Durante la permanenza a Medjugorje il programma prevede la partecipazione alle liturgie, alle adorazioni serali, agli incontri con i frati francescani, la salita al Podbrdo (la collina delle prime apparizioni), e al Krizevac (il monte della grande Croce). Quando possibile vengono organizzati incontri per ascoltare la testimonianza di qualcuno dei veggenti, compatibilmente con la loro presenza a Medjugorje e alla loro disponibilità a ricevere i pellegrini. Inoltre, a seconda del tempo disponibile, sono previsti incontri con alcune Comunità presenti a Medjugorje: Comunità “Cenacolo” di Suor Elvira, il “Villaggio della Madre”, fondato da Padre Slavko Barbaric e la Comunità della “Famiglia Ferita” di Suor Cornelia.

Ultimo giorno: Medjugorje - Mostar - Malpensa
Durante la giornata proseguimento delle attività religiose. In tempo utile trasferimento all’aeroporto di Mostar, operazioni d’imbarco e partenza con volo speciale per Malpensa.

 

 


Il pellegrinaggio a Medjugorje: un tempo di grazia per ognuno di noi per immergersi nella tenerezza di Dio.

Pellegrinaggi a Medjugorje da Milano
Pellegrinaggi Che cos’è un pellegrinaggio?
Pellegrinaggio è un percorso di conversione in cui l’uomo si mette in contatto con Dio. Lasciare il proprio ambiente, mettersi in cammino verso un traguardo al termine del quale non solo incontrare il Signore, ma ritrovare anche se stessi. Ecco le parole del teologo S.E. Mons. Bruno Forte su come il pellegrino deve vivere il suo cammino.
Perché fare un pellegrinaggio?
La risposta a questa domanda parte dal cuore stesso della fede cristiana: i discepoli di Gesù non credono in un Dio astratto, generico, lontano dalla vicenda umana, ma nel Dio che è entrato nella storia, che ha parlato ai santi e ai profeti e si è fatto carne nella pienezza del tempo. Il cristianesimo non è la religione della salvezza dalla storia, ma della salvezza della storia, di una salvezza cioè che passa attraverso gli eventi e le parole intimamente connessi in cui si compie l’autocomunicazione divina. Ecco perché i luoghi in cui si è svolta la storia della rivelazione sono così importanti per la fede dei Cristiani: essi fanno comprendere meglio quanto Dio ha voluto dirci di sé, aiutandoci ad entrare nel Suo linguaggio ad assaporare in profondità le Sue parole. Le pietre dei Luoghi Santi nutrono la fede dei figli di Dio (in ebraico eben = pietra richiana ben = figlio, il che consente il gioco di parole che per esempio è evocato dalla frase di Gesù in Mt 3,9: “Vi dico che Dio può far sorgere figli di Abramo da queste pietre”).

Come vivere il pellegrinaggio
Perché il pellegrinaggio produca questi frutti è necessario prepararsi ad esso e viverlo nella maniera più intensa: è la stessa Scrittura che ci dice come. Lo fa attraverso i Salmi che venivano pregati e cantanti durante la salita a Gerusalemme, meta del continuo pellegrinaggio del popolo dell’Alleanza. Le condizioni necessarie sono così descritte: il pellegrino deve avere ben presente il suo punto di partenza, l’insieme cioè di quelle domande profonde, che sono alla base dell’angoscia esterna ed interna ad ogni cuore (si legga il Sal 120: “Nella mia angoscia …”)  Insieme a questa presa di coscienza, però, il pellegrino deve invocare gli occhi della fede per riconoscere il Pellegrino divino che cammina con lui, il Signore, custode d’Israele (Sal 121: “Il Signore è il Tuo custode”; in questo Salmo ritorna sei volte la radice del verbo shamar = custodire. Shomer è il custode). Il pellegrinaggio così intrapreso diventa memoria della vita: memoria della gioia e del dolore, delle speranze e delle delusioni, ma anche della fedeltà di Dio (Sal 123: guardare al Signore a partire dalla prova e Sal 124: far memoria della fedeltà di Dio che mai ci abbandona). La memoria della prova si traduce così nell’invocazione piena di speranza (Sal 125: alla stabilità di Gerusalemme e del credente, circondato dal Signore, si affaccia la violenza e la tentazione di usarla, ma nasce anche nel cuor l’invocazione della pace).  Facendo memoria della liberazione compiuta da Dio nei luoghi della storia della salvezza, si ravviva la speranza della liberazione futura e si guarda alla prova personale e collettiva alla luce della fedeltà potente del Signore (Sal 126). La memoria suscita così la confessione che tutto è grazia (Sal 127: è Dio che opera; se no invano faticano i costruttori…): con la fede il pellegrino conoscerà la beatitudine dell’uomo che teme il Signore e lo benedirà (Sal 128). La memoria del male ricevuto e la memoria della colpa invocano però soprattutto la riconciliazione: “Vi benediciamo nel nome del Signore” (Sal 129). Nel bellissimo Sal 130 si offre un compendio di tutto questo: al grido che sale dal profondo e si esprime nella “strofa del Tu”, vera e propria memoria della colpa (vv. 3-4), seguono la “strofa dell’io”, della speranza e dell’attesa (vv. 5-6), ed infine la “strofa d’Israele”, che canta l’esperienza della solidarietà del popolo redento (vv. 7-8). Il pellegrinaggio conduce così all’esperienza della pace che viene da Dio: con l’atteggiamento espresso dal Sal 131, il pellegrinaggio vive l’affidarsi perdutamente al Signore come bimbo nelle braccia della madre ed è in grado di testimoniare e cantare la speranza che non delude. Questo salmo è veramente figura della Pasqua in Cristo, via e meta di ogni pellegrinaggio.
La pace dopo il pellegrinaggio
La pace così ottenuta non riguarda solo l’individuo, ma crea una nuova fraternità dell’alleanza fondata sulle promesse di Dio (Sal 132). Il pellegrinaggio si apre ormai alla via del ritorno: il pellegrino saluta i compagni di viaggio e invita a benedire il Signore, mentre su di lui scende la benedizione di Dio (Sal 134). Sgorga dal cuore la lode alla misericordia dell’Eterno che trasforma e custodisce i nostri cuori nella nuova vita, operando in noi le meraviglie che ha compiuto nei nostri Padri la grande litania di ringraziamento è in tal senso la vera preghiera del ritorno, la testimonianza dell’indimenticabile grazia vissuta dai pellegrini di Dio…
Cos'è Medjugorje
Medjugorje: dal 1981 la Regina della pace appare.
Da un quarto di secolo la Madonna, che qui si è presentata con il titolo di “Regina della Pace”, continua a mostrarsi a sei veggenti. E’ una continuità che mai si era manifestata in tutta la storia delle apparizioni “pubbliche” e che dunque carica di un significato particolare questo segno.
Le apparizioni della Regina della Pace sono caratterizzate dai messaggi che, ogni giovedì, dal 1° marzo 1987 e poi ogni 25 del mese sino a oggi, la Madonna dà alla Parrocchia di Medjugorje tramite la veggente Marija, affinché vengano successivamente trasmessi in tutto il mondo.
Medjugorje era, fino al 1981, un piccolo paese, il cui nome significa, in lingua slava, “fra i monti”; da un lato il Krizevac, sul quale nel 1933 era stata eretta una croce a ricordo dell’Anno Santo della redenzione, e dall’altro il Crnica, nel cui territorio si trovano la collina del Podbrdo, luogo delle prime apparizioni e la frazione di Bijakovici dove abitavano i veggenti.
Il mistero si manifestò per la prima volta nel pomeriggio del 24 giugno 1981 e dopo alcuni giorni si formò il gruppo dei sei veggenti (Ivanka, Mirjana, Vicka, Ivan, Jakov e Marija, che chiesero alla luminosa figura chi fosse.
Ella rispose loro di essere la “Beata Vergine Maria”.
Con diverse forme le apparizioni continuano fino ai giorni nostri in quello che era uno sconosciuto villaggio, neppure presente nelle cartine della Jugoslavia comunista.
Uno degli aspetti più singolari di queste apparizioni è rappresentato dalla rivelazione dei dieci segreti che la Regina della Pace ha effettuato a tre dei sei veggenti.
Questi eventi saranno rivelati tre giorni prima del loro svolgimento tramite un sacerdote incaricato.
I segreti segneranno il tempo nel quale il “male” verrà sconfitto e si entrerà nella dimensione del nuovo mondo di pace.Un segnale forte di speranza arriva da Medjugorje.
Medjugorje significa tra i monti.
La parrocchia di Medjugorje è composta di cinque villaggi adagiati fra due colline, il Krizevac (monte della croce) sovrastato da una grande croce di cemento, e lo Crnica sulle cui falde si trova la località detta Podbrdo (“collina delle apparizioni” luogo della prima apparizione il 24/giugno 1981) che vuol dire “ai piedi del colle”, in tutto poco più di tremila abitanti. A Medjugorje vivono i discendenti di quei croati che vi emigrarono ai tempi delle grandi trasmigrazioni dei popoli nel VII° secolo dopo Cristo. Questi accolsero quasi subito la religione cristiana, lo confermano i resti di antichissimi monasteri lungo la costa della Dalmazia e all’interno della Croazia. Verso metà del XIII° secolo arrivarono nella Bosnia Erzegovina i frati francescani, come missionari, che in seguito ricevettero dalla Santa Sede la custodia di queste regioni, affidate loro ufficialmente. Ci furono in seguito quattro secoli di dominazione turca, più precisamente dal 1482 al 1878. I francescani che poterono nascondersi fra le famiglie, non solo riuscirono a salvarsi, ma tennero viva la fede cristiana tra quelle popolazioni, affrontando sacrifici, persecuzioni e rischi di ogni genere. La parrocchia di Medjugorje fu fondata il 15 maggio 1892 e la prima chiesa parrocchiale fu ultimata nel 1897, sotto la protezione di san Giacomo, patrono dei pellegrini, essa appartiene alla diocesi di Mostar–Duvno. I lavori dell’attuale chiesa iniziarono nel 1937, ma furono interrotti per la guerra. Terminato il conflitto ripresero la costruzione, e l’attuale chiesa fu consacrata il 19 gennaio 1969."...ma ricorda a Medjugorje sarai un pellegrino in cerca di Gesù e non un turista...!"

Additional Info

  • L'offerta Comprende:



    -Viaggio aereo in classe economica con voli speciali Albastar.
    -Tasse aeroportuali e di sicurezza.
    -Bagaglio 5 Kg a mano + bagaglio in stiva 15 Kg
    -Trasferimento dall’aeroporto di Mostar a Medjugorje e viceversa
    -Pullman a disposizione per le attività previste durante la permanenza a Medjugorje
    -Soggiorno in hotel 3 stelle o 3 stelle Sup. con ascensore, aria condizionata e collegamento wifi
    -Sistemazione in camere doppie con servizi
    -Trattamento di pensione completa dalla cena del primo giorno alla prima colazione dell’ultimo.
    -Bevande a tutti i pasti
    -Accompagnatore/Guida Spirituale particolarmente preparato per tutta la durata del pellegrinaggio
    -Assistenza di personale locale a Medjugorje per qualsiasi necessità
    -Assicurazione medico, bagaglio e annullamento viaggio
    -Materiale in esclusiva a supporto viaggio
    -Auricolari audioriceventi
    -Mance




  • L'offerta non comprende:


    - La quota iscrizione 35 €

    - Assicurazione annullamento viaggio
    - La mancia per autista, gli extra di carattere personale e tutto quanto non espressamente indicato sotto la voce: “La quota comprende”.

  • Supplementi e Riduzioni:

     

    -Bambino (0-12 anni non compiuti) in camera tripla con due adulti: 50%
    -Piano famiglia: 2 adulti + 2 chd 2-12 anni (3 quote intere) - offerta non cumulabile
    -Religiose e religiosi: 10%
    -Sacerdote con funzione di Guida Spirituale: gratuito
    -Anniversario 25° e 50° nozze: 10%
    -Viaggio di nozze: 10%



  • Semaforo: nessuno

Richiesta Informazioni offerta n° 675

Compila questo modulo per essere ricontattato e ricevere maggiori dettagli e informazioni su questa offerta. Ti invitiamo a compilare tutti i campi richiesti.


Nome e Cognome*
Campo compilato erroneamente o vuoto.

Indirizzo E-mail*
Campo compilato erroneamente o vuoto.

Telefono*
Campo compilato erroneamente o vuoto.

Numero Persone*
Campo compilato erroneamente o vuoto.

Data di Partenza*
Campo compilato erroneamente o vuoto.

Commento
Campo compilato erroneamente o vuoto.

Cliccando sul bottone "Invia Richiesta" accetto il trattamento dei miei dati personali secondo le normative vigenti in materia di privacy così come il regolamento generale sulla protezione dei dati (RGPD, in inglese GDPR, General Data Protection Regulation- Regolamento UE 2016/679)
Nota Bene.
Per inviare la richiesta è necessario cliccare nel sottostante box di verifica.

Aio Sardegna
www.aiosardegna.it

Le migliori soluzioni per affittare una casa o trovare un albergo/B&B per le tue vacanze in Sardegna.

Capodanno in Sardegna
www.capodannoinsardegna.it

Le migliori offerte per un divertente e meraviglioso capodanno in Sardegna.

Pasqua in Sardegna
www.pasquainsardegna.it

Tutte le soluzioni per viaggiare e passare la Pasqua in Sardegna.

I viaggi della fede
www.iviaggidellafede.it

La guida completa per organizzare il tuo viaggio religioso o pellegrinaggio in tutto il mondo.